Cerca Nel Sito

Cantieri, dopo il coronavirus una quasi rivoluzione

 

La fase due coincidera', per i cantieri che ripartiranno, con cambiamenti concreti, a partire dalle modalita' di ingresso sul luogo di lavoro. I lavoratori dovranno essere dotati, dalla ditta o dall'azienda titolare dell'appalto, dei Dpi. I Dispositivi di Protezione Individuale necessari per rispettare le norme di sicurezza. Se prima c'era da indossare il casco di protezione, adesso ci saranno tutta una serie di ulteriori obblighi.

 

Mascherine con ricambio giornaliero, guanti e uso obbligatorio di disinfettanti. I lavoratori dovranno essere monitorati all'ingresso in cantiere. ogni giorno. Ci sara', infatti chi sara' preposto alla misurazione delle temperatura corporea dei dipendenti.

 

L'attivita' lavorativa dovra' svolgersi nel rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro a persona. Gli indumenti dei dipendenti dovranno essere lavati ogni giorno e opportunamente disinfettati.

 

Necessaria la sanificazione dei cantieri e di tutti i mezzi di lavoro, incluse le aree destinate alla pausa pranzo. Oltre alla disinfezione dei dormitori, per i lavoratori che ne fanno uso.

 

Queste nuove modalita' comporteranno una riorganizzazione in termini di risorse fisiche ed economiche.

 

Oltre all'approvvigionamento dei DPI, infatti, le imprese saranno chiamate a definire i nuovi compiti del Coordinatore della Sicurezza sui luoghi di lavoro, il quale dovra', a sua volta, adeguare i luoghi degli appalti alle nuove misure.